• Prenota
  • Offerte Speciali
  • N.verde 00800 88118811

Colli Euganei

Il giro panoramico che proponiamo ci offrirà l'opportunità di ammirare il magnifico paesaggio e la natura rigogliosa dei Colli Euganei.

La prima visita sarà presso l'Abbazia di Praglia, dove vivono ancora una cinquantina di monaci benedettini, la comunità più numerosa d'Italia.
Qui si trovano una tranquillità e un'atmosfera che porta indietro nei secoli. Visiteremo tre chiostri (Botanico, Rustico e Pensile) ed il Refettorio famoso per il capolavoro d'intaglio che sono i tavoli e le panche dove si possono ammirare scene con significato morale e teologico. L'abbazia ospita una Biblioteca nazionale, un prestigioso laboratorio di restauro del libro, e un'erboristeria.

Arrivando ad Arquà Petrarca attraverso le vie tipiche dei Colli Euganei, si ha subito l'impressione di entrare in un borgo medievale. Il paesino, infatti conserva ancora l'atmosfera di quando il poeta Francesco Petrarca lo scelse come rifugio dal 1370 e dove fu sepolto dopo la sua morte. Visiteremo la casa del poeta e successivamente ci fermeremo per una sosta in un locale per la degustazione di vini e prodotti tipici.

ESTE
Nella parte meridionale dei Colli Euganei si trova la culla e centro classico della civiltà paleoveneta, più tardi colonia militare romana, fu centro della diffusione del Cristianesimo nella provincia di Padova.
Successivamente alle incursioni barbariche, saccheggi, l’alluvione nel 589 e l’incendio degli Unni nel 451-53, il marchese Azzo II eresse un castello, convertendolo nella capitale degli Estensi. Dell’antico castello rimangono la cinta muraria ed il mastio, mentre l’area interna è stata trasformata in parco pubblico. Delle fortificazioni Carraresi è possibile ammirare la Rocca del Ponte della Torre.
Nel Duomo di S. Tecla si può ammirare un dipinto di G.B. Tiepolo.

MONTAGNANA
Montagnana è uno dei più begli esempi di fortificazione medievale; la sua cinta muraria si snoda per quasi 2 chilometri ed è completata da 24 torri e due importanti porte fortificate: Castel S. Zeno e Rocca degli Alberi.
Principale monumento “città murata” è il Duomo di S. Maria, che custodisce molte opere d’arte, tra le quali una pala del Veronese, un tondo del Sansovino e statue del Bonazza.
L’eredità del passato continua nel tradizionale Palio medievale dei 10 Comuni della Scodosia, che si corre nel vallo delle mura, come rievocazione del primo palio che si tenne dopo la liberazione della città dalla tirannia di Ezzelino III da Romano nel 1259.